Come iniziare a fare calisthenics: esercizi di base per i principianti?

Il calisthenics è un modo eccellente per costruire muscoli a basso costo. Sì, con il calisthenics non c’è bisogno di investire in attrezzature costose, accessori complicati o addirittura un abbonamento in palestra. Il calisthenics sfrutta l’ambiente urbano per trovare qualcosa su cui far lavorare i muscoli. E anche i principianti possono farlo!

Flessioni

Le flessioni sono un modo eccellente per costruire i muscoli gratuitamente. Si possono fare a casa. Infatti, basta un tavolo, una sedia o una poltrona per trovare una variante e ripetere l’esperienza delle flessioni. Inoltre, è un esercizio essenziale per lo sviluppo muscolare che fa lavorare i muscoli delle braccia, della schiena e del busto. In breve, si rivolge alla parte superiore del corpo.

Inoltre, è un esercizio di base per i principianti, con una posizione molto semplice…. I piedi sono uniti, le gambe sono dritte e le mani sono all’altezza delle spalle. A questo punto non resta che pompare. Non è necessario farne migliaia, 20-30 volte sono sufficienti per riscaldare il muscolo.

Addominali

I sit-up sono un classico del calisthenics. Si tratta di un esercizio facile da eseguire e che offre molti benefici per la costruzione muscolare del corpo. Man mano che si progredisce nella pratica del calisthenics, gli addominali diventano meno interessanti, ma rimangono un ottimo modo per riscaldarsi.

Per eseguire correttamente gli addominali è necessario seguire alcune regole. I piedi devono essere appoggiati sul pavimento. Lo stesso vale per i glutei e la schiena. Le braccia devono salire dietro la testa e rimanervi. Tutto ciò che dovete fare è usare gli addominali per sollevare il busto all’altezza delle ginocchia. Non è necessario andare oltre.

Per rendere il tutto ancora più difficile, potete tornare lentamente alla posizione di partenza per costringere i muscoli dello stomaco a inginocchiarsi.

calisthenics exercice base
Il calisthenics è molto facile da iniziare, con movimenti di base molto accessibili

Tuffi e squat

Anche per i dip e gli squat non serve molto. L’unica differenza tra i due è che i dip richiedono un supporto per le mani. Una sedia può fare al caso vostro. Oppure il bordo di una fontana o di una panchina del parco, ecc. È molto facile trovare ciò che si sta cercando, non appena si sa cosa si vuole! Soprattutto, è necessario prestare attenzione alla stabilità dei supporti per evitare il rischio di lesioni.

Per gli squat, dovrete allungarvi verso il basso, inclinando leggermente il bacino all’indietro. Sono i tendini del ginocchio e i glutei a fare tutto il lavoro per sostenere la discesa del corpo e poi spingerlo verso l’alto. All’inizio l’equilibrio può essere difficile da raggiungere.

Per le dip sarà un po’ più semplice, perché l’equilibrio scompare dall’equazione. Allo stesso modo, le braccia sostengono leggermente lo sforzo.

Si noti che la posizione non è la stessa per gli squat e le dip, dove ci si appoggia molto di più all’indietro.