L’importanza della respirazione nel bodybuilding

Lo sport non è nulla se non si gestisce il proprio corpo. La prima cosa da imparare sul proprio corpo è come gestire la respirazione. È la respirazione che porta l’ossigeno alle cellule e permette loro di funzionare correttamente. E quindi rallenta l’accumulo di acido lattico nei muscoli. Inoltre, la mancanza di ossigeno durante l’esercizio fisico fa sentire stanchi ed esausti, rallentando i progressi complessivi.

La respirazione, una funzione vitale

La respirazione è fondamentale per il corretto funzionamento del corpo e per la pratica dello sport. Inoltre, lo sport è uno sforzo che il corpo deve compiere. La respirazione ossigena il corpo, rendendo lo sforzo meno faticoso.

Poiché il corpo è come una macchina, può funzionare in modo ottimale o solo parzialmente. L’unica differenza sta nel modo in cui viene gestita e nel modo in cui l’atleta gestisce gli input. Ogni macchina funziona attraverso il triangolo del fuoco, che prevede un combustibile, un ossidante e il calore prodotto. Nel corpo è la stessa cosa. Per funzionare, ha bisogno di energia sotto forma di calorie e ossigeno, che si traduce in energia sotto forma di calore (sudore) e movimento (lo sport stesso).

Quindi, se priviamo il corpo di parte di ciò di cui ha bisogno per funzionare, funzionerà meno bene. Come un motore in cattivo stato.

Ma la respirazione non è di per sé qualcosa di difficile da controllare. Una volta che si è consapevoli della propria respirazione, si può lavorare su di essa per renderla più ottimale e soprattutto più adatta allo sforzo che si sta facendo.

Sì, il ritmo della respirazione può variare a seconda del tipo di sforzo che si sta facendo: cardio, fitness o pesi.

respiration en musculation
Alcuni sport, come lo yoga, lavorano proprio sulla respirazione, perché è un elemento chiave nello sviluppo di un atleta.

Quali sono i benefici di una buona respirazione?

Quando si impara a respirare e a seguire il proprio ritmo durante l’esercizio fisico, si scoprono ben presto dei benefici che non possono essere ignorati….

  • i movimenti sono più facili (o almeno meno faticosi)
  • viene espirata più CO2 di prima (il che significa meno punti dolenti e meno dolore)
  • la potenza muscolare aumenta, perché riceve più ossigeno di prima
  • il tempo di recupero dopo l’esercizio è molto più breve
  • il rischio di lesioni è ridotto, perché i muscoli sono meno sollecitati dallo sforzo
  • i muscoli della gabbia si liberano, riducendo lo stress complessivo.

Alcuni consigli per migliorare la respirazione nel bodybuilding

Una volta compresa l’importanza della respirazione nel bodybuilding, si può iniziare a lavorare su di essa. Non c’è niente di meglio di qualche buon vecchio trucco, facile da mettere in pratica e che non costa nulla!

In generale, la respirazione nel bodybuilding prevede un’inspirazione profonda durante il rilassamento e un’espirazione lunga e continua durante la contrazione.

Ma questo senza tener conto di alcuni esercizi. Ad esempio, l’isometria. In questo caso, è molto meglio una respirazione lenta e regolare, perché mantiene l’ossigeno nelle cellule durante le lunghe fasi di contrazione.

Nel cardio, la respirazione segue il tipo di esercizio… Quando si fa resistenza, si punta a una respirazione regolare con due battiti per inspirare e due per espirare. Allo stesso modo, bisogna favorire la respirazione di pancia per sfruttare al meglio i polmoni. Respirare con il naso filtra le impurità dell’aria e riduce l’irritazione dei polmoni.

D’altra parte, se si pratica un’attività fisica ad alta intensità, non c’è niente di meglio della respirazione intuitiva, quella che viene naturale.