Quali muscoli lavora la sedia romana?

La sedia romana è uno di quegli attrezzi che, per molto tempo, si potevano trovare solo in palestra. Oggi, con l’avvento della globalizzazione, è possibile acquistare un modello per la propria casa non troppo costoso e fare esercizi e allenamenti a casa. Ecco un elenco dei muscoli che si possono allenare con una sedia romana.

Addominali

I muscoli addominali non sono uno dei punti focali della sedia romana, ma quando li si allena, è possibile potenziarli in modo secondario. Ma soprattutto, gli addominali sono la parte più visibile di qualsiasi allenamento. Gli altri vi giudicheranno a prima vista.

Oltre a questo, potete variare gli esercizi sulla sedia romana per costruire la muscolatura profonda o puntare in particolare sugli obliqui con esercizi che incoraggiano l’oscillazione del corpo. Ad esempio, i crunch o le alzate delle gambe e delle ginocchia.

La sedia romana offre un’ampia gamma di esercizi e diverse combinazioni.

I pettorali

I pettorali sono i muscoli più bersagliati dall’esercizio della sedia romana.

L’uso principale è rivolto ai pettorali, ma altri esercizi possono aiutare a migliorare lacondizione fisica. Le trazioni, ad esempio, fanno lavorare i muscoli del torace, sia sul lato pettorale che su quello dorsale. È chiaro che se non siete amanti delle trazioni, la sedia romana perderà molto del suo fascino, dato il numero di muscoli che può far lavorare se combinata con gli esercizi giusti.

Bicipiti e tricipiti

I bicipiti sono un altro obiettivo primario della sedia romana: le braccia sono sempre coinvolte, qualunque sia la configurazione o la scelta dell’esercizio. Che si tratti di flessioni, trazioni o dip, i bicipiti e i tricipiti sono sempre chiamati in causa.

I muscoli bracho-radiali

Anche i muscoli degli avambracci vengono utilizzati in alcuni esercizi. È il caso delle trazioni e delle flessioni, in misura minore.

A seconda del tipo di trazioni scelte, la difficoltà si riferisce a questo o quel tipo di muscolo. Sta a voi decidere se optare per le trazioni supinate o pronate, con una presa normale o stretta.

I deltoidi anteriori

I deltoidi sono i muscoli della spalla e costituiscono il collegamento tra la parte anteriore e quella posteriore del corpo, nonché tra le braccia. Deltoidi ben formati significano quindi una buona comunicazione tra le diverse parti del corpo, ma anche movimenti più facili con uno sforzo più uniformemente distribuito.

Non esiste un esercizio che muscolarizzi in modo specifico i deltoidi. Il loro rafforzamento avviene contemporaneamente a quello di altre aree del corpo.

Si può presumere che non appena si rafforzano le braccia e la schiena, si rafforzano anche i deltoidi. È il caso di tutti gli allenamenti di trazione(supinazione, pronazione), ma anche delle flessioni, ecc.

La schiena

I muscoli della schiena possono essere suddivisi in diverse famiglie, come segue:

  • Latissimus dorsi
  • Romboidi
  • Trapezio
  • Il cingolo lombare

La sedia romana non si rivolge ai muscoli lombari. Tuttavia, è possibile rafforzare i dorsali con questa macchina eseguendo delle trazioni. In questa configurazione, la schiena deve sostenere il carico della parte inferiore del corpo e tenerlo fermo in modo che non si afflosci, mentre le braccia tirano verso l’alto.

Inoltre, è difficile costruire i muscoli della schiena, perché è difficile farli lavorare. Gli esercizi ideali, oltre alla sedia romana, sono il canottaggio, il pulley o il sollevamento pesi. Quest’ultimo può essere sviluppato se la sedia romana è dotata di supporti per appoggiare la sbarra e i pesi durante le serie!