Roland Vallet, intervista

Lo avete scoperto sul sito qualche giorno fa con la pubblicazione del suo primo articolo « Come trovare il vostro allenatore sportivo ». Si chiama Roland Vallet ed è un allenatore sportivo con qualifica statale e BPJEPS in attività di fitness, specializzato in sollevamento pesi e bodybuilding. Si è appena unito al team del sito e siamo lieti di dargli il benvenuto. Roland vi porterà la sua esperienza e il suo buon umore. E si comincia subito, con un’intervista che vi permetterà di scoprire qualcosa in più su di lui :).

Roland Vallet, coach sportive en région nantaise

Prima di tutto, può presentarsi ai lettori del nostro sito?

Roland: Mi chiamo Roland Vallet, ho 28 anni e vivo a Nantes. Ho una BPJEPS in attività di fitness, con specializzazione in sollevamento pesi e bodybuilding, che conseguirò nel 2019. Ho praticato bodybuilding per 11 anni come hobby, ed è questo che mi ha spinto a fare questo lavoro. Oltre al mio lavoro di allenatore sportivo, sono istruttore di equitazione da 9 anni.

Sono anche un cavaliere ricreativo e agonista da 25 anni, nonché un kickboxer agonista da 4 anni.

Può parlarci del percorso che l’ha portata a diventare allenatore sportivo?

Roland: Dopo aver conseguito il diploma BPJEPS in attività equestri nel 2012 e aver lavorato in questo campo per 3 anni, ho voluto prendermi una pausa dall’insegnamento perché avevo bisogno di fare un passo indietro nella professione di allenatore. A quel tempo, la professione di allenatore sportivo non era così diffusa come oggi, quindi non volevo entrare in questo campo senza aver acquisito una certa maturità ed esperienza. Dopo aver risparmiato per pagarmi la formazione, ho deciso di fare il grande passo e di fare il lavoro che volevo.

È più interessato al fitness coaching o al coaching di alto livello?

Roland: È una bella domanda, al momento faccio entrambe le cose. Il mio obiettivo a breve termine è quello di specializzarmi nella preparazione fisica degli atleti di kickboxing e dei cavalieri di alto livello.

Secondo lei, quali sono le qualità necessarie per essere un buon allenatore?

Roland: Bisogna saper ascoltare i clienti, perché si tratta di psicologia, ed essere rigorosi, pazienti e disponibili.

Vuole condividere con i nostri lettori un piccolo aneddoto sul suo lavoro?

Roland: Ho diversi aneddoti, ma ce n’è uno che mi fa ridere quando ci ripenso. È successo prima di iniziare la formazione come allenatore sportivo. Ho avuto un colloquio motivazionale nella scuola in cui si svolgeva la mia formazione. Dovevo descrivere il mio percorso formativo e professionale e il motivo per cui avevo scelto di fare questa formazione. Dopo un monologo di 20 interminabili minuti, l’intervistatrice mi ha fatto la sua analisi e mi ha detto semplicemente che il mio percorso professionale era pieno di instabilità e che non sarei stata in grado di seguire e superare questo corso. Immaginate come mi sono sentita quando sono tornata a casa. Alla fine sono stata accettata al corso.

La cosa divertente è che, dopo aver superato tutti gli esami al primo tentativo, mi sono classificata seconda nel mio anno e ora questa persona mi addita come esempio di successo per i nuovi iscritti di quest’anno.

La morale della storia è che non bisogna mai fidarsi delle apparenze.

Vuole condividere con noi un’esperienza di coaching di cui va fiero?

Roland: Ne ho diverse, ma quella che al momento mi rende orgoglioso è la preparazione fisica alla boxe che ho svolto con uno dei miei clienti nell’ultimo anno e mezzo. Abbiamo lavorato duramente per mesi per prepararlo ai campionati francesi e ad altri eventi. Il risultato è stato che si è classificato secondo ai campionati francesi e abbiamo vinto 5 incontri su 6.

Roland Vallet, coach sportif sur Nantes

Infine, se avesse un consiglio da dare a chi vuole intraprendere seriamente questo sport, quale sarebbe?

Roland: Direi semplicemente che, a seconda dei propri obiettivi, bisogna essere seri e rigorosi nell’allenamento e nell’alimentazione.

Grazie Roland per le tue risposte. Bentornato!

Per saperne di più su Roland e sui suoi contributi al sito, cliccare qui.